Dichiarazione dei consiglieri Ricci Puchetti e Rainone al Consiglio comunale di Larino del 31.05.2006

- del Coordinamento di Democrazia e Rinnovamento-






Al sig. Sindaco
del Comune di Larino

I sottoscritti consiglieri comunali Puchetti, Rainone e Ricci in relazione al consiglio comunale di oggi e al relativo ordine del giorno chiedono :

1. il rinvio della discussione relativamente alle risposte alle interrogazioni dei consiglieri Ricci e Rainone a motivo del fatto che nessuno dei due consiglieri ha ricevuto dalla S.V. risposta scritta come richiesto nelle interrogazioni. Solo oggi ci troveremmo davanti alla lettura delle risposte senza possibilità alcuna di riflettere sulle stesse per dichiararsi o meno soddisfatti. A norma di regolamento dette risposte dovevano essere fornite entro 15 giorni ma né il regolamento né la prassi è più osservata. Si è impiegato quasi tre mesi per rispondere al consigliere Ricci e non gli si concede nemmeno 24 ore per prenderne conoscenza e coscienza, non fornendo risposta per iscritto. Quale allora la differenza tra una interrogazione a risposta scritta e una a risposta orale se entrambe sono esplicitate in un deliberato in consiglio? Oramai non vi è più nessun rispetto delle regole e delle istituzioni.

2. il rinvio della discussione dei punti 3 e 4 inerenti la questione Gas, poiché, se è vero che, come concordato con la S.V., si era deciso di non discuterne prima della competizione elettorale, è pure vero che il consigliere Puchetti né aveva espressamente subordinato il rinvio ad un consiglio monotematico. Poiché crediamo nella partecipazione e nel diritto alla informazione si richiede inoltre il rinvio ad una convocazione in orari pomeridiani-serali.

3. infine, a motivo del fatto che codesta amministrazione ha predisposto un bilancio, senza alcun coinvolgimento dei consiglieri e quindi ancora un'azione priva di concertazione e seria programmazione, un bilancio che viene posto all'approvazione solo alla fine di maggio e per il quale dovrà esserne verificato l'equilibrio appena dopo tre mesi, un bilancio in ritardo che senza dubbio ha portato ad una attività amministrativa e politica provvisoria per circa metà anno e senza costruire alcunché con difficoltà persino nella ordinaria attività, a motivo di tutto ciò, non riconoscendoci in questo modus operandi di questa Amministrazione, non dovremmo che votare contro, ma per rispetto nei confronti della nostra comunità, riteniamo opportuno non partecipare al consesso, lasciando a voi che operate senza tenere conto della realtà che vi circonda ogni responsabilità su ciò che elaborate.

Larino 31 maggio 2006

F.to

Giuseppe Puchetti

Franco Rainone

Gaetano Ricci