ATTIVITA'


Le iniziative del movimento

MEDIA

News

Links

ADESIONI

Come aderire

AMMINISTRATIVE
1999 - 2002

Il programma

Ie attivitą del 2000

Ie attivitą del 2001

MATERIALI

Immagine coordinata

I manifesti





Lista N.3 "DEMOCRAZIA E RINNOVAMENTO"

Candidato a sindaco: Francesco Sabetti

_____________

PROGRAMMA

La nostra coalizione di centrosinistra " Democrazia e Rinnovamento ", formata da: Democratici di Sinistra, Movimenti Civici, I Democratici, Comunisti Italiani, Rifondazione Comunista e Candidati Indipendenti, si propone di promuovere ogni iniziativa utile allo sviluppo della nostra Città ed al suo inserimento nel territorio, attraverso un programma che raccolga i bisogni e le aspettative di cambiamento dei cittadini, per favorire una amministrazione trasparente, democratica, partecipativa, solidale, fondata sulla cultura della legalità.

Noi riteniamo che la Larino del nuovo millennio debba puntare alla valorizzazione di tutte le risorse locali, all'immediata valorizzazione delle aree per gli insediamenti produttivi che siano comunque compatibili con la salvaguardia dell'ambiente, al miglioramento della qualità della vita complessiva.

Larino dovrà costituire ampi rapporti di collaborazione col comprensorio del Basso Molise, in particolare con i Comuni delle aree interne fortemente penalizzati da uno sviluppo disomogeneo, promuovendo consorzi inercomunali e partecipando all'attuazione di ogni forma di progetto consociato di sviluppo (Patto Territoriale, ecc.). Tutto ciò al fine di favorire il riequilibrio socio economico del territorio nel quale si è inseriti.

Di particolare importanza il recupero e la valorizzazione del Centro Storico che deve essere al centro della riqualificazione della Città d'Arte.

A tale riguardo verrà finalizzata ogni possibile risorsa alla rivitalizzazione delle abitazioni, al dei contenitori storici dismessi, al reinsediamento delle attività produttive, e all'avvio di un parco integrato di alloggi per l'offerta turistica da lanciare.

 

LAVORO: attività produttive

L'azione della futura Amministrazione sarà fortemente finalizzata a promuovere e facilitare tutte le occasioni di lavoro. Pertanto sarà messa in atto ogni iniziativa volta a favorire lo sviluppo delle attività produttive sul territorio, favorendo l'utilizzazione delle risorse che suggeriscono le vocazioni del nostro territorio.

  • Artigianato, commercio e servizi connessi con l'attività produttiva.

Il punto centrale per il rilancio dell'artigianato locale sarà il completamento immediato dell'area PIP con conseguente assegnazione dei lotti.

Il collegamento tra i PIP e la struttura dei servizi che il nucleo industriale di Termoli può offrire, saranno la base del nuovo rapporto che anche le attività produttive potranno avere con il territorio.

Si daranno ampio spazio e facilitazioni a coloro che avranno idee e proposte da tradurre in cocrete iniziative produttive. In particolare saranno previste agevolazioni per chiunque vorrà insediare un'attività produttiva nel centro storico.

Per facilitare i nuovi insediamenti e gli ampliamenti delle attività produttive già esistenti, verrà creato un ufficio unico comunale che curerà l'intero iter di ogni pratica burocratica.

L'Amministrazione si impegna ad incontrare periodicamente le Associazioni di Categoria per recepirne e valutarne le istanze.

La fiera di Larino è una grande occasione per mettere in rete la nostra produzione locale. La storia e la tradizione della "Fiera di Ottobre" sono elementi da valorizzare, rilanciando la fiera su nuova base, non solo di cadenza annuale, ma con fiere periodiche di settore. La costruzione del Centro Fiera e la sua localizzazione saranno tali da non snaturare il carattere di occasione commerciale, strettamente legata al tessuto produttivo locale e alla valorizzazione dei nostri prodotti.

  • Agricoltura

Larino è sede legale dell'Associazione Città dell'Olio alla quale hanno aderito già 150 Città.

Essa potrà davvero diventare la "capitale" dell'olio di oliva se si riuscirà a far conoscere adeguatamente il valore della nostra varietà principe, la Gentile di Larino, e a diffondere la conoscenza dell'olio della nostra terra in campo nazionale e mondiale.

Il settore agricoltura è fondamentale per l'economia cittadina. Pertanto saranno favorite tutte le iniziative volte a promuovere la valorizzazione e commercializzazione anche degli altri rilevanti prodotti agricoli larinesi, sul mercato italiano ed estero.

Ci si adopererà per proteggere il territorio agricolo da eccessive e selvagge palificazioni elettriche e telefoniche richiedendo alle Aziende distributrici dei servizi in rete un Piano di localizzazione e distribuzione degli impianti.

Saranno estesi in tutto l'agro larinese i servizi necessari alla vita delle abitazioni, migliorando la rete idrica rurale, la viabilità comunale (che dovrà riassurgere a nastro di viabilità ambientale con la piantumazione di querce a filari così come nella tradizione locale), il servizio di trasporto pubblico per gli abitanti delle zone rurali.

 

Politiche Sociali

Nel campo sociale occorre promuovere una piccola "rivoluzione" passando da politiche assistenziali a prospettive promozionali, ovvero a interventi non a pioggia ma complessivi e progettati.

I settori a cui verrà posta particolare attenzione saranno i segienti:

  • Minori

L'amministrazione si farà carico dei problemi dell'infanzia e della adolescenza, favorendo la promozione della salute e la promozione di occasioni di crescita. Anche per attuare i recenti indirizzi legislativi, per prestare attenzione ai minori a maggior rischio sociale, si creerà una struttura relazionale ad foc con le associazioni di famiglie e le associazioni di volontariato.

  • Giovani

Il Progetto Giovani deve vedere coinvolti i giovani di tutta la Città, aperto e trasparente, che sappia ben coinvolgere tutti i giovani senza emarginazioni, che preveda cineforum, dibattiti, forme espressive teatrali, musicali e di ogni altra forma artistica, che possa raccogliere tutte le informazioni sul disagio giovanile. La gestione appropriata e fruttuosa del tempo libero è indice di una società aperta e libera ed è un ottimo strumento per combattere ogni tipo di devianza giovanile. Nel tempo libero ci si relaziona con gli altri, si fa esperienza di vita e di democrazia, ci si confronta e si cresce, ci si svaga e si fa esercizio degli interessi più diversi, si fa attività fisica e ci si rapporta con la natura. Per questo motivo si darà particolare valore al buon utilizzo del tempo a disposizione dopo gli impegni scolastici e lavorativi.

Attualmente al Città manca di centri di aggregazione, di spazi giovanili adeguati per creare, per esercitare al fantasia, per incontrarsi. Si dovranno trovare rapide soluzioni per creare questi spazi specifici per gli incontri e le attività ricreative e culturali necessarie al mondo giovanile. A tale scopo si punterà soprattutto sul recupero di edifici e strutture attualmente inutilizzati e adattabili allo scopo senza grossi sprechi e senza creare squilibri di altra natura nella Città.

L'Amministrazione promuoverà una rete relazionale tra tutte le forme di associazionismo e di volontariato sociale, culturale, ricreativo, sportivo, editoriale operanti nella realtà larinese, e metterà a disposizione tutti gli strumenti necessari ad un'opera di promozione della salute e di moltiplicazione delle occasioni di sviluppo della personalità dei giovani.

In collaborazione con le associazioni di categoria e con le strutture sindacali presenti nel territorio, si prepareranno idonei corsi di preparazione ad iniziative di lavoro, soprattutto in forma cooperativistica, prestando particolare attenzione alla ricreazione di artigianato locale, alla formazione di guide turistiche della Città e del territorio oltreché all'introduzione nel mondo dei nuovi sistemi tecnologici.

L'approccio alla cultura deve essere facilitato. Per questo l'accesso alle forme di spettacolo (teatro, cinema, manifestazioni musicali, mostre cittadine) verrà facilitato nei giovani con adeguate riduzioni sui costi ordinari.

  • Anziani

Gli anziani sono una risorsa.

Verranno attivati, anche con il contributo delle associazioni del volontariato, tutte le iniziative rivolte a rendere integrata la vita degli anziani nella Città.

Saranno realizzati spazi e strutture di aggregazione per attività culturali e del tempo libero, allo scopo di favorire anche l'integrazione generazionale.

Si promuoverà la creazione dei servizi assistenziali necessari alla realizzazione della piena autonomia della persona anziana, in particolare i servizi socio sanitari e di assistenza domiciliare.

  • Famiglia

L'amministrazione si impegnerà ad avviare una politica che, in linea con la recente attenzione della società italiana nei confronti dei problemi sociali, sia capace di recepire i bisogni e le necessità della nuova famiglia ed in particolare di quelle in stato di difficoltà.

 

Piano Regolatore Generale

Il Piano Regolatore Generale è il progetto futuro della Città, che dovrà favorire lo sviluppo delle risorse locali.

Il PRG punterà sulla riqualificazione del tessuto urbano con una serie di interventi mirati tra cui la valorizzazione di tutti gli spazi pubblici, ampia previsione di verde diffuso e centri di aggregazione socio-culturali, di arredo urbano qualificato ed uno sviluppo regolato delle edificazioni, tenendo come quadro di riferimento una città esteticamente apprezzabile e vivibile.

 

Turismo, cultura e ambiente

Il turismo nasce dai beni di valore e dall'attrazione che può generare la Città, nei confronti di ampie fasce di visitatori tra cui gli emigranti. Pertanto la valorizzazione del Centro Storico, delle opere architettoniche ed artistiche, dei beni archeologici del Municipio Romano, la creazione di un tessuto museale (il museo archeologico, quello etnografico, quello dell'energia, quello diocesano, il lapidario comunale), la protezione dell'ambiente, la riqualificazione urbana con un uso molto contenuto del cemento costituiranno la base per ridare dignità e valore a quella che vogliamo far diventare una Città d'Arte.

La riapertura immediata del cinema cittadino, la ripresa della stagione teatrale nel teatro "Risorgimento", la riapertura della stagione teatrale estiva nell'Anfiteatro, la rivitalizzazione di tutte le forme di attenzione per l'arte (mostre, rassegne, incontri, dibattiti, seminari sulla pittura, letteratura, architettura, scultura, musica, cinema, teatro, forme di espressione locale dell'arte, mostre di artigianato rurale ecc.), la funzionalità di Biblioteche vive e vitali, costituiranno la base di una rinascita culturale di cui la Città sente fortissimo bisogno.

Saranno inoltre promosse iniziative, anche in collaborazione con le istituzioni scolastiche, che avranno come finalità anche quella di approfondire al conoscenza della realtà e della cultura locale. A tal fine saranno istituiti premi e concorsi.

Larino entrerà con pieno coinvolgimento nella realizzazione dei percorsi turistico culturali comprendendo, Gerione, il Tratturo di Larino, il Bosco di Montorio, il Lago di Guardialfiera, l'Oasi LIPU di Csacalenda e il fiume Biferno.

Verrà posta particolare attenzione alla salvaguardia delle strade provinciali e statali di grande pregio ambientale (la SS87, la provinciale per Montorio e quella per il Liscione).

Tutte le strade comunali che si trovano in prossimità del centro abitato costituiranno una rete di percorsi per il trecking cittadino, con opportune sistemazioni, segnaletica e percorsi guidati.

In coincidenza con il Giubileo verrà data concreta e dignitosa sistemazione all'area del Convento dei Cappuccini e indicati in ogni forma di pubblicizzazione percorsi turistico-religiosi che includeranno la Cattedrale e le chiese della città, il Santuario della Difesa, il Convento di San Martino e altri siti rilevanti del circondario, con riferimenti che valorizzino in modo speciale la Carrese di San Pardo dell'anno 2000.

Per ricomporre gli scempi perpetrati in passato e tutelare quanto rimasto di valido dal punto di vista ambientale (flora e fauna), verrà posta una particolare difesa dei luoghi che rappresentano i residui non coltivati dell'ambiente nostrano, ovvero i valloni che attraversano l'agro di Larino, le siepi contermini alle proprietà, i terreni di proprietà pubblica e privata ancora con residui di bosco antico, le piante di dimensioni apprezzabili tipiche della macchia mediterranea.

Nell'area urbanizzata verranno utilizzati tutti gli spazi ancora disponibili per destinarli a verde di salvaguardia e di uso per i quartieri, sottoponendo a seria verifica ogni tipo di urbanizzazione incontrollata.

I muri di cemento laddove non strettamente necessari per motivi di ristrettezza degli spazi, verranno fortemente osteggiati perché hanno trasformato la città in un coacervo di barriere con grave detrimento per la qualità complessiva degli spazi di vita.

Una particolare attenzione verrà rivolta al verde viario interno della Città, creando nuove piantagioni che ridiano senso estetico e di piacevolezza ai percorsi urbani.

Si darà compimento agli accordi con l'ENEL fatti in sede di realizzazione della centrale Turbogas, per realizzare una forte piantumazione nell'agro e per realizzare il Museo dell'energia.

Tutte le scuole avranno le aree a loro servizio sistemate con verde fruibile, con giardini e spazi gestiti direttamente dagli alunni delle scuole che potranno trovare un utile diversivo nelle loro attività didattiche.

Il viale di accesso al cimitero, per vari motivi concomitanti ha perduto ogni senso di decoro. Per tenere alta la funzione che un luogo sacro così rilevante deve assolvere nella vita di ognuno di noi, si riqualificherà il percorso, tutta l'area circostante esterna e anche la sistemazione interna davvero caotica ed incredibile.

Il Vallone della Terra costituisce un polmone verde, saldatura ideale tra Centro Storico e Piano san Leonardo, che verrà mantenuto integro con l'utilizzazione di percorsi verdi e spazi di ricreazione, senza sconvolgimenti.

Nella Città non è ancora in atto un sistema adeguato di raccolta differenziata dei rifiuti. Verrà proposto, anche in collaborazione con le scuole, la realizzazione di un sistema integrato di raccolta che preveda oltre alla raccolta separata dei vari materiali recuperabili, il recupero di energia tramite termoutilizzazione di tuttala parte residua ed il compostaggio delle frazioni organiche.

 

Ricettività

Il supporto e l'incentivazione ad ogni forma di ricettività, costituirà la base per sviluppare concretamente la risorsa turistica. L'agriturismo, anche attraverso il recupero delle case rurali, che saranno adeguatamente salvaguardate con lo strumento urbanistico, potrà valorizzare anche i prodotti agricoli locali. Sarà assunta ogni iniziativa per dare motivazione ed impulso alla ricettività alberghiera e ad altre forme di ospitalità e accoglienza (abitazioni del centro storico, Ostello della gioventù, ecc.), anche nella forma congressuale. Si punterà all'inserimento della città nei circuiti turistici nazionali.

 

Attività motorie e sportive

Occorrerà migliorare e moltiplicare le offerte educative e formative in ambito motorio e sportivo per tutta la popolazione e, in particolare, per le fasce di età che hanno maggiore necessità di affrontare uno sviluppo armonico della persona. Si dovranno individuare piccole aree urbane, in tutti i quartieri di Larino, non escluso il Centro Storico, dove costruire piccoli campi polifunzionali attrezzati di facile accesso a tutti, nonché luoghi urbani da adibire, anche in assenza di specifiche strutture, a campi da gioco spontaneo.

Gli impianti sportivi da realizzarsi in Contrada Monte arcano dovranno avere una valenza comprensoriale senza la quale non sarebbe sopportabile, per la collettività locale, la relativa gestione.

L'utilizzo degli impianti dovrà informato ai criteri educativi e sociali dello sport.

Verranno definite forme appropriate di gestione, soprattutto anche allo scopo di ottimizzare l'utilizzo, collegandosi con gli altri centri cittadini contermini.

 

Scuola

Saranno promossi fattivi rapporti di collaborazione con tutti gli istituti scolastici cittadini, allo scopo di rendere più incisivo il ruolo della scuola nel territorio. Verrà favorito il dialogo tra famiglie e scuola, sollecitando, tramite un collegamento continuo e fattivo con i capi d'istituto e gli organismi di rappresentanza scolastica, anche un rapporto pomeridiano tra scuola e società.

Verranno promosse tutte le iniziative volte ad assicurare agli istituti scolastici di ogni ordine e grado, sedi idonee e funzionali, con particolare riguardo alle attrezzature scientifiche, culturali e sportive.

Per le scuole dell'obbligo, verrà predisposto ogni incentivo volto a migliorare e rendere fruibili strumenti moderni a supporto dell'attività didattica.

L'Istituto Tecnico Agrario dovrà diventare il centro di riferimento dell'attività formativa in campo agronomico, zootecnico e forestale, con la trasformazione in centro permanente di formazione per i giovani, anche con collegamenti da creare con l'ambito universitario di CB e, in particolare, puntando a istituire in Larino, sedi decentrate di facoltà legate a questo importante settore economico.

 

Viabilità, Trasporti e Parcheggi

Nonostante la dimensione della nostra Città, in alcune ore della giornata il traffico risulta caotico e ingestibile. Si dovrà porre rimedio a tale inconveniente attraverso una adeguata sistemazione dei percorsi di circolazione e dei meccanismi di regolazione del traffico.

Il servizio di trasporto pubblico dovrà essere riorganizzato e adeguato alle nuove necessità della collettività.

Gli spazi di parcheggio vanno individuati nel rispetto dell'orografia e dell'assetto urbanistico del territorio senza sconvolgere gli equilibri esistenti. In particolare nel centro storico verrà privilegiata la creazione di parcheggi lungo la circonvallazione mediante un'idonea sistemazione della strada, con impianto di illuminazione e scalette di accesso verso la piazza centrale. Sarà contenuto ogni intervento, anche se già avviato, che potesse costituire un danno ambientale e funzionale per detta parte della Città.

Sarà dato completamento al Terminal riducendo adeguatamente l'impatto che lo stesso ha creato in prossimità del nuovo ospedale, con sistemazioni a verde che riadeguino lo spazio al contesto in cui è insediato.

Tutte le principali strade di collegamento fra le varie parti della Città, ovvero centro storico-P.S. Leonardo, quartieri periferici di Cappuccini e del Montarone, area Borzilli, area Guardiola, verranno fornite di un marciapiedi adeguato, con opportuna illuminazione serale, che renda agevole e sicuro il movimento dei pedoni da un luogo all'altro del centro urbano.

 

Cappuccini 2

L'Amministrazione si adopererà per risolvere il contenzioso sorto tra Comune e privati nel quartiere Cappuccini 2, da troppi anni lasciato in una condizione di degrado assoluto che offende la dignità dei residenti.

 

Riorganizzazione Uffici Comunali

Occorrerà utilizzare al meglio le strutture comunali, nel rispetto delle professionalità del personale dipendente del Comune, valorizzando al massimo le capacità di ognuno, anche attraverso al formazione professionale.

Per quanto riguarda i servizi, essi vanno migliorati e resi più rispondenti ai bisogni della popolazione, anche mediante la creazione di nuovi uffici: relazioni con il pubblico, informa-giovani, programmazione, sportello unico per le imprese, sportello Europa.

Lo sportello informagiovani sarà strutturato in modo da dare risposte alla sete di informazioni sul lavoro, sulle leggi di settore, sugli incentivi alla creazione di impresa e di occupazione, sulla modulistica, ecc.

 

Servizi a rischio (Tribunale, Ospedale, ecc.)

 

Si procederà alla costituzione di una commissione tecnico-politica che approfondisca la conoscenza dei problemi relativi ai servizi che sono a rischio di soppressione o ridimensionamento, al fine di avere elementi di valutazione utili a definire una politica di difesa di tali servizi.

 

Difensore Civico

Per dare concreta attuazione ai principi affermati di legalità e trasparenza, riteniamo fondamentale che si proceda alla nomina del Difensore Civico.

 

Regolamentazione della progettazione

delle Opre Pubbliche e appalti

La progettazione che, per motivi previsti dalla legge, deve essere affidata ai progettisti esterni all'organico comunale, sarà assegnata secondo Regolamenti improntati su criteri di equità e salvaguardia del pubblico interesse.

Qualunque appalto di opere e servizi avrà il massimo di pubblicizzazione e verrà effettuato attenendosi a rigidi criteri di correttezza legale e trasparenza oltreché della economicità e delle norme che attengono alla tutela delle garanzie contrattuali e di sicurezza dei lavoratori.







IL MOVIMENTO


Atto costitutivo
Statuto
Foglio di Democrazia e Rinnovamento
Il Coordinatore
Il Coordinamento
I Circoli
I Presidenti dei Circoli
La Commissione di garanzia
Il Tesoriere



scrivici